Pagine Sporche: Autopubblicare: Stampare un libro con Createspace


Una volta reso disponibile il nostro libro con Amazon, Narcissus o altri distributori, ci verrà senza meno la voglia di averne tra le mani una copia vera, fatta di carta.

Non so spiegare perché, ma quando ho aperto il pacco e preso in mano il mio piccolo libricino, con la sua bella copertina e le pagine fresche di stampa, mi ha fatto un grande effetto emotivo. In fondo noi che amiamo leggere possiamo anche esserci convertiti agli e-book, ma il fascino della carta fa ancora presa sui nostri cuori.

Ci sono varie alternative per pubblicare la versione cartacea del nostro libro, alcune italiane, altre, come Createspace, americane. La logica vorrebbe che stampare in Italia e farsi recapitare una cinquantina di copie costasse molto meno dell’alternativa statunitense, se non altro per i costi di spedizione. Eppure, fatti i dovuti conti, ho dovuto arrendermi all’evidenza che, seppure di poco, Createspace era più conveniente.

Questo guardando solo il puro discorso economico. Restano da valutare altri aspetti, come la possibilità di distribuire il libro in Italia, cosa che con Createspace resta limitata allo store Amazon e pochi altri, mentre con alcuni dei servizi alternativi può allargare di molto la distribuzione.

Nel mio caso non prevedevo di avere chissà che successo di vendite, mi interessava più che altro esplorare le modalità di pubblicazione e fare tutti i passi che normalmente un autore indie deve compiere da solo per arrivare sul mercato. Per questo motivo Createspace era ideale per cominciare, permettendomi in maniera molto rapida di arrivare a distribuire la versione cartacea del libro.

Per chi non ha dimestichezza con l’inglese sarà necessario faticare un pochino di più, ma credo sia possibile arrivare comunque al risultato finale. L’iscrizione non è diversa da molte altre, dovrete fornire i vostri dati anagrafici e le informazioni necessarie a potervi pagare (per ora purtroppo per noi è disponibile essenzialmente il pagamento tramite assegno), e tassare.

C’è tutto un discorso da fare per la tassazione americana, per ora vi basti sapere che se non si fanno le necessarie azioni si verrà tassati direttamente da Amazon con un’aliquota standard del 30% (mi pare). È possibile comunque svolgere la trafila burocratica necessaria per ottenere un codice identificativo statunitense che vi permette di non essere tassati.

Superato lo scoglio dell’iscrizione ci si può dedicare al caricamento del proprio libro.
Il processo è costituito da una sequenza di step abbastanza semplici, che possono essere svolti individualmente, e che culmineranno con un passo di review da parte dei tecnici di Createspace, per concludersi con il nostro assenso alla pubblicazione.

I passi in questione al momento in cui scrivo l’articolo sono:

  • Title Information: comprendono il titolo, il sottotitolo (attenzione che sia uguale a quello usato su KDP se avete già pubblicato l’e-book, in modo che i due vengano associati automaticamente), autore, edizione, data, lingua;
  • ISBN: qui potete fornire voi un ISBN, oppure utilizzare quello offerto gratuitamente da Createspace. Io ho optato per questa seconda ipotesi, la differenza principale sarà che l’editore risulterà essere Createspace, e non avrete obbligo di deposito;
  • Interior: la parte più complicata di tutto il processo, insieme con la copertina. Qui dovrete in pratica caricare un pdf contenente il vostro libro. Prima di farlo però si dovranno definire le caratteristiche fisiche del libro, in particolare le dimensioni. Attenzione: una volta scelto un formato e pubblicato una prima volta il libro, questa sarà una delle cose che non potrete più cambiare. Si potranno fare variazioni al contenuto, ma non al formato fisico, in quanto questo sarà stato associato al numero ISBN. Vengono forniti dei template di documenti word per ogni formato supportato. Consiglio di utilizzarli. Una volta creato il vostro PDF, caricatelo e verificate online il risultato ottenuto, oppure scaricate il file per verifica. Potete reiterare questo step quante volte volete, fino a che non sarete pronti;
  • Cover: la copertina. Createspace mette a disposizione una serie di stili di copertina precostruiti. È abbastanza probabile che uno dei tanti vi piacerà. Da notare che dopo aver selezionato uno stile è possibile al suo interno cambiare sia gli elementi testuali e le immagini, sia scegliere uno dei “sotto stili” disponibili. Non vi sto a dare spiegazioni sull’uso del wizard per la creazione della copertina, l’uso infatti è molto intuitivo. Unica accortezza che vi consiglio di avere è verificare che il testo che inserirete nell’ultima di copertina venga gestito bene dal programmo automatico, poiché questo ha qualche problema con le regole della lingua italiana per gli accapo. Io ne ho uno errato e ho rinunciato a sistemarlo, ma probabilmente si può trovare un modo di impostare la frase in maniera tale da farlo funzionare.
  • Complete Setup: quando avrete assolto tutti i passi precedenti con successo (saranno marcati con un visto verde a fianco), potrete sottoporre il vostro lavoro al review del team Createspace. Occorreranno 24 ore circa;
  • File Review: questo step è a carico di Createspace dopo che avrete chiuso il precedente;
  • Proof Your Book: una volta completato il review, se tutto va bene, avrete questa opzione attiva. Qui avrete modo di verificare il libro nel suo stato definitivo. Potrete farlo online, con una modalità visiva, oppure scaricare il PDF finale del libro e analizzarlo con un lettore qualsiasi, o anche stamparlo a casa. Infine c’è la possibilità di ordinare una o più copie di prova. Queste avranno lo stesso costo riservato alle stampe dedicate agli autori, più quello di spedizione, non proprio economico. Una volta svolta la verifica potrete approvare il libro, che così potrà andare immediatamente in distribuzione;
  • Channels: mentre attendete che il team di Createspace approvi il vostro file, potete cominciare a configurare i parametri per la distribuzione. Qui potete selezionare quali, tra i canali disponibili, volete utilizzare. Io ho deciso di utilizzarli tutti, non vedendo motivo per escluderne qualcuno;
  • Pricing: permette l’impostazione dei prezzi di vendita del vostro libro. Il prezzo in dollari va sempre impostato, ed è possibile ricavare automaticamente il prezzo in sterline ed Euro. Vi consiglio di sganciare questo automatismo e alzare leggermente il prezzo in Sterline, in quanto al momento mi sembra che gli acquisti sullo store italiano vengano venduti al prezzo in euro, ma le provvigioni che ricevete sono quelle in sterline;
  • Cover Finish: potete semplicemente scegliere se utilizzare una copertina opaca (matte) o lucida (glossy). Io ho optato per quella opaca che è molto gradevole anche al tatto;
  • Description: ulteriori campi dove inserire la sinossi, la biografia dell’autore (che potrà comparire su Amazon o altri store), il codice BISAC del genere cui appartiene il vostro libro (googlate per trovarli) e qualche altro parametro;
  • Publish on Kindle: permette di pubblicare la versione e-book su KDP a partire da quella stampata. Io ho preferito gestire manualmente KDP e non ho utilizzato questa funzione;

Una volta che il vostro libro sarà stato approvato dal team e da voi, la pubblicazione sarà immediata sullo store Createspace Direct, molto veloce (credo il giorno seguente) su Amazon.com e appena più lenta sugli altri store locali Amazon.

Nel pannello di controllo (Member Dashboard) avrete una riga con il vostro libro dove compariranno le vendite (abbastanza aggiornate, un giorno massimo due di ritardo). Avrete anche un link per ordinare copie personali che verranno stampate e spedite a casa vostra e con le quali potrete fare ciò che volete (per esempio regalarle a parenti e amici, usarle per una presentazione in libreria, distribuirle a club e biblioteche etc).

Per avere un’idea dei costi, il mio libro di 88 pagine in formato 5×8 pollici, stampato in 50 copie e spedito con corriere in Italia ha un costo di circa 190 dollari (140 euro), ovvero circa 2.80 euro a copia. Non ho idea se c’è qualche problema alla dogana, ma penso di no, vedremo alla prima spedizione. Un libro più corposo, diciamo 300 pagine 6×9 pollici arriva a circa 300 dollari (220 euro) ovvero 4.40 euro a copia.

Spero che questo articolo possa essere una prima base per chi volesse intraprendere questa piccola avventura, e colgo l’occasione per segnalare un e-book sul tema scritto da Simone MorettiCreiamo un libro cartaceo con CreateSpace.

Come sempre commenti e domande sono graditi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: