La cinquecento euri


Al bar Astro c’è un tavolo di tressette fisso, ogni sera da cinquant’anni.

Peppe, Luciano, Pasquale e Attila giocano ogni sera fin da adolescenti. Ora che sono pensionati, più che mai.

Luciano, battendo sonoramente il tre di bastoni sul tavolo: “Volo!!”.

Peppe passa una scartina, Attila guarda le sue carte e riflette lungamente…

Troppo per i gusti degli amici…

Pasquale: “Oh bello de zio, che fai ce pensi, dajelo quell’asso che tanto nun ripiji….”

Attila si scuote come uscendo da un pensiero profondissimo: “No, scusa, è che stavo a pensa’ alla cinquecento euri…”

Peppe: “La cinquecento euri? E chi l’ha mai vista la cinquecento euri! Che c’hai da pensa’ sulla cinquecento euri?”

Attila: “eh appunto, chi l’ha mai vista la cinquecento euri? C’hai mai pensato su sto fatto?”

Peppe: “E che c’hai da pensa’? E na banconota come n’artra la cinquecento euri, nun te capisco, te stai a fa le seghe mentali su na banconota?”

Attila: “Na banconota come n’artra un cazzo! Scusa ma che tu vai in giro co la cinquecento euri in saccoccia? Oh te ripeto, io non l’ho mai vista na cinquecento euri, però l’hanno fatta la cinquecento euri, e puro la duecento euri non l’ho mai vista io. E te dirò anche la cento euri l’ho maneggiata un par de vorte pe sbajo… Ma nun ve fa pensa’ sto fatto?”

Pasquale: “Daje Attila, passa sto asso, nun ce pensa’, è normale che la cinquecento euri noi nun l’avemo vista… se quando annamo a pija la pensione ce pagano con ‘na cinquecento euri ce tocca daje puro er resto…. Nun è robba che ce serve a noi ….”

Attila: “Eh già! Mapperò a quarcheduno je deve da servì sta cinquecento euri, sennò nun l’aveveno fatta no? A quarcheduno ja’dda servì….”

Pasquale: “Eh vabbè, ce stanno quelli co’ li sordi che je po’ fa comodo la cinquecento euri, pe’ li pagamenti grossi, pe’ le banche, pe’ ‘ste cose così no?”

Attila: “No, un cazzo! Ce stavo a pensa’, seconno me la cinquecento euri ce sta gente che se la porta proprio in saccoccia così come io e te se portamo li cinque euri, gente che se la spende pe na cena, che se la porta dietro a mazzettoni e che magari je rode pure che nun j’hanno fatto la mille euri….”

Peppe: “Attila che te devo da di’, er mondo va così, nun te fa er sangue amaro, ce lo sai che ce sta chi c’ha li sordi e chi ce n’ha de meno, come noi…. C’è poco da incazzasse.”

Attila, calando con veemenza l’asso di bastoni: “Sarà puro come dici tu, ma a me sta storia della cinquecento euri me fa incazza’, me fa incazza’ de brutto…. perché sta cinquecento euri sta li a pijamme per culo, sta li a dimostramme che un mese de la mi vita vale come un pranzo de uno ricco, li mortacci sua… je potesse anna’ pe traverso…”

Pasquale, calando il due di bastoni, rimasto secco: “Mortacci vostra, c’avevo er due secco….”

Luciano, raccogliendo la mano, incazzato nero: “Mortacci nostra? Mortacci loro!!! Mortacci loro, della cinquecento euri e de sta cazzo de merda de società….. e mortacci tua Attila che me c’hai fatto pensa’….tu e la cinqucento euri der cazzo…”

Per il resto della serata, nessuno parlò…

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: